protty.it

Encefalite, head tilt, torcicollo: l'emergenza.

Per via telematica abbiamo avuto purtroppo diverse segnalazioni di casi mortali di encefalite del coniglio; le pubblicazioni non specialistiche, per semplici appassionati, ignorano in Italia il fenomeno (neanche una parola in tutti i libri italiani sul coniglio presenti sul mercato , con una sola eccezione - vedi più sotto). Inevitabilmente, data la complessità delle possibili cause della testa inclinata, quando succede qualcosa di simile al proprio coniglietto è il panico! E si deve poi avere fortuna a conoscere un vet specializzato di fiducia al quale rivolgersi. Parliamone nel forum!

The bottom line is this: treatment for head tilt
is possible and often very successful.

Con lo spirito ottimistico di questa frase di Dana Krempels, biologa in Florida alla University of Miami (fai un salto nel suo sito), Protty vi invita a leggere alcune pagine che ha tradotto dall'inglese sull'encefalite e sulle altre possibili cause di uno dei sintomi più temuti dagli amici dei conigli, la testa inclinata, head tilt, o torticollis.


L'Encephalitozoonosis, causata da Encephalitozoon cuniculi, un microsporidian intracellular protozoan, è abbastanza comune nei conigli. L'infezione è persistente, ma può essere nascosta, non manifestando sintomi di malattia. Tuttavia, può causare i sintomi transitori o i segni gravi neurologici di meningoencephalitis, nefrite o eccitazione intraoculare. La trasmissione avviene per escrezione di spore nell'urina durante l'infezione acuta. Gli organismi si estendono a diversi organi, e poiché gli anticorpi si sviluppano, i protozoi si incapsulano, limitando il danno dei tessuti e la produzione di spore. Un sistema immunitario sano impedisce agli organismi di moltiplicarsi ma le spore rimangono attuabili. L'immunosuppression può portare a malattia conlamata anche molti anni dopo l'infezione iniziale. Attualmente, non c'è alcun mezzo clinico definitivo per diagnosticare l'encephalitozoonosis. Tuttavia, poiché l'infezione è persistente, gli anticorpi continuano a essere prodotti.

Cliccate i titoli per leggere alcuni articoli sull'encefalite e lo head tilt:

Trattamento dell'inclinazione del capo, by Dana M. Krempels

Un'indagine su Encephalitozoon cuniculi in colonie di coniglio
in Elazig, Turchia: pathomorphologic e serologic studies

Diagnosi di Encephalitozoon cuniculi

Un caso di Encephalitozoonosis: un esemplare di due mesi, femmina, coniglio New Zealand White

Molte altre informazioni nelle seguenti pagine della House Rabbit Society:

Head Tilt: Causes and Treatment
By Sandi Ackerman, In consultation with Barbara Deeb, DVM, MS

Encephalitozoon Cuniculi
Marinell Harriman in consultation with Carolynn Harvey, DVM and Cynthia Besch-Williford, DVM, PhD

Parliamone nel forum!


3 febbraio 2002 : : approfondimenti

Su Filemazio è stato evidenziato come Hot Science item l'abstract di un articolo di estremo interesse pubblicato su Nature, che puoi leggere integralmente cliccando il link più oltre (grazie alla ricerca che Barbara ha effettuato presso l'Università di Zurigo).

UN PARASSITA SPOGLIATO ALL'OSSO
C'è un parassita che si è tolto praticamente tutto il suo DNA pur di propagarsi ed infettare meglio gli organismi.
Il parassita "spogliarellista" è il microsporidion Encephalitozoon cuniculi. Secondo uno studio dell'Università francese Blaise Pascal, pubblicato sulla rivista Nature, la sua sequenza di geni è così piccola che l'organismo manca di funzioni fondamentali per la vita. Come tutti i parassiti, anche questo "prende a prestito" dal suo ospite ciò che gli serve, solo che lo fa a livelli mai visti prima.
Ad esempio per produrre energia si basa sui mitocondri delle cellule dell'ospite, visto che lui non ne ha. Come approfittare del contatore della luce del vicino, insomma.
Il codice genetico del microsporidion Encephalitozoon cuniculi è così ridotto all'osso, sufficiente solo per fargli sfruttare le caratteristiche dell'organismo infettato e basta. In questo modo, tra l'altro, è diventato praticamente impossibile studiare la sua storia evolutiva, visto che i suoi geni così scarsi non possono raccontare molto del passato, come invece avviene regolarmente con la maggioranza degli organismi viventi.

E' interessante notare che Sylvilagus floridanus (minilepre), naturalizzato in Piemonte, non è soggetto all'encefalite (La sua presenza in questa regione si deve essenzialmente ad una introduzione avvenuta nel 1966 nel territorio del comune di Pinerolo; poi ha colonizzato, espandendosi a macchia d’olio, gran parte delle pianure e dei bassi rilievi collinari piemontesi, occupando nicchie ecologiche tipiche della lepre europea [Lepus europaeus] le cui popolazioni, proprio nello stesso periodo, manifestavano preoccupanti cali demografici che a volte sono stati imputati proprio alla presenza del leporide americano).

«L’assenza di positività per E.cuniculi nella minilepre potrebbe essere imputabile alla scarsa recettività della specie o alla mancanza di quelle condizioni favorenti/determinanti la trasmissione del patogeno che sono comuni nell’allevamento cunicolo intensivo. Questi risultati inducono a escludere che il Sylvilagus floridanus giochi un ruolo rilevante nella diffusione e trasmissione alla lepre e ad altri animali di agenti patogeni quali: F. tularensis, T. gondii, Brucella spp., L. interrogans, E. cuniculi, B. burgdorferi.»

Vale la pena di leggere l'interessante studio da cui è tratta questa notizia: Problematiche sanitarie legate alla presenza della minilepre
A. Lavazza, P. Tizzani, L.Capucci, P.G.Meneguz

Come detto a inizio pagina, solo un libro tra quelli a disposizione degli appassionati dice qualche scarna parola sull'encefalite. E' interessante rilevare che, nel brevissimo paragrafo dedicato alla malattia, si dice che si tratta di una zoonosi, cioè di una malattia trasmissibile all'uomo.


da NATURE ‡ VOL 414 ‡ 22 NOVEMBER 2001 ‡ www.nature.com:

1: Parasites go the full monty [introduzione discorsiva al punto 2: IN ITALIANO]

2: Genome sequence and gene compaction of the eukaryote parasite Encephalitozoon cuniculi


Area download file zippati

Per chi avesse interesse per gli aspetti genetici della malattia, è disponibile il download di alcune complesse analisi, fonte Nature.

Functional classification of the Encephalitozoon cuniculi protein-coding genes (rtf)

Predicted presequences for 5 putative mitochondrial-type proteins (rtf)

Encephalitozoon cuniculi genome sequencing methods (rtf)

Phylogenetic analyses of 4 putative Encephalitozoon cuniculi proteins (pdf)

Chromosome 1 Map (su Nature la mappatura completa) (pdf)


Allevamento cunicolo e implicazioni sanitarie, Guido Grilli - Antonio Lavazza - Daniele Gallazzi, fonte ASIC: RIVISTA DI CONIGLICOLTURA - N. 1 - 2001 (pdf)


Igiene e profilassi, strumenti importanti, Guido Grilli, fonte ASIC-ANCI: RIVISTA DI CONIGLICOLTURA - N. 3 - 1999 (pdf)


Sono graditi interventi dei visitatori sull'encefalite. Intervenite nel forum o inviate a protty@protty.it (potete utilizzare i mailform del sito)

 

 

protty.it